L'osservatore romano - Vivere appassionatamente

L'osservatore romano - Vivere appassionatamente

GIUSEPPE DI FAZIO

Il primo luglio 2010 una pallottola andata fuori bersaglio spense provvisoriamente il sorriso di Laura Salafia; ma non riuscì a cancellare la sua voglia di vivere e la sua speranza. Quella mattina Laura, studentessa-lavoratrice originaria di Sortino, aveva sostenuto brillantemente l’esame di lingua spagnola. E, contenta, aveva lasciato in compagnia di alcune amiche il monastero dei Benedettini di Catania, sede dei corsi di laurea umanistici. In piazza Dante, a poche decine di metri dalle aule universitarie, si scatenò un improvviso Far West e una pallottola raggiunse Laura al midollo. «Ricordo il mio respiro che comincia a rallentare — scriverà la giovane donna sette anni dopo — piano piano ne perdo la percezione, mi accascio a terra esanime»...

Clicca qui per leggere l'articolo

Speciale Workshop

Così i giornali ritornano utili - La Sicilia

A giudicare dal numero (quasi un centinaio) di domande di partecipazione al Workshop nazionale di giornalismo che si terrà a Catania a fine mese si direbbe che i giovani siano ancora affascinati dal mondo dell’informazione.
    Siamo noi giornalisti, forse, ad avere perso il gusto per la nostra professione, incapaci di stare al passo con la realtà, che sembra correre più veloce delle nostre analisi, e dubbiosi sull’utilità del nostro lavoro.
    La crisi del giornalismo, prima che nel calo della diffusione delle copie o dei ricavi pubblicitari, va ricercata in una pigrizia che impedisce agli operatori della comunicazione di raccontare i fatti per esperienza diretta, di tuffarsi nel pozzo della realtà per scandagliare ciò che c’è al fondo...