Premio per tesi di laurea sull'Archivio storico del quotidiano "La Sicilia"

La Fondazione "Domenico Sanfilippo editore" lancia un premio per giovani laureati. Il premio viene conferito annualmente a due tesi di laurea (triennali o magistrali) che siano state redatte utilizzando come fonte primaria l'Archivio storico del quotidiano "La Sicilia".
 
L'importo del premio, quest'anno, è 1.000 euro per ciascuna tesi premiata, che verrano corrisposti ai vincitori con una cerimonia pubblica il 15 marzo 2018, 73° anniversario della fondazione del quotidiano.
 
Al concorso per l'assegnazione del premio possono partecipare candidati che alla data di scadenza del bando siano in possesso dei seguenti requisiti: 
a) non abbiano ancora compiuto 30 anni; 
b) abbiano conseguito la laurea triennale o magistrale presso un ateneo italiano dopo il 15 marzo 2017 e prima del 28 febbraio 2018; 
c) non abbiano ricevuto altri premi di laurea o riconoscimenti economici di altro genere per la tesi sottoposta a valutazione.
 
I candidati dovranno inviare alla Segreteria del premio (fondazionedse@lasicilia.it) entro e non oltre il 6 marzo 2018 , i seguenti documenti in formato digitale (pdf, jpg):
  • certificato di laurea;
  • una copia della tesi (file pdf);
  • abstract della tesi di massimo 5mila battute;
  • curriculum vitae;
  • copia di un valido documento di identità.
Per maggiori informazioni è possibile scaricare il bando integrale in allegato o scrivere a fondazionedse@lasicilia.it 
ERRATA CORRIGE: La cerimonia di premiazione avrà luogo il 14 marzo alle ore 18,30
 

Speciale Workshop

Così i giornali ritornano utili - La Sicilia

A giudicare dal numero (quasi un centinaio) di domande di partecipazione al Workshop nazionale di giornalismo che si terrà a Catania a fine mese si direbbe che i giovani siano ancora affascinati dal mondo dell’informazione.
    Siamo noi giornalisti, forse, ad avere perso il gusto per la nostra professione, incapaci di stare al passo con la realtà, che sembra correre più veloce delle nostre analisi, e dubbiosi sull’utilità del nostro lavoro.
    La crisi del giornalismo, prima che nel calo della diffusione delle copie o dei ricavi pubblicitari, va ricercata in una pigrizia che impedisce agli operatori della comunicazione di raccontare i fatti per esperienza diretta, di tuffarsi nel pozzo della realtà per scandagliare ciò che c’è al fondo...