Sicilian Post Il terremoto del Belice nelle foto di Condorelli: «Anche le pietre emanavano dolore»

Terremoto del Belice 1968

Foto Carmelo Condorelli - Archivio Storico "La Sicilia"

Nuccio Condorelli commenta due foto scattate dal padre per il quotidiano "La Sicilia" nel 1968: «Mi insegnò che il vero fotoreporter è colui che sa anche guardare a distanza, immedesimandosi nella sofferenza che incontra. Fu la più bella lezione di umiltà della mia vita»

Le due foto che potete osservare a corredo di questo articolo sono di Carmelo Condorelli, mio padre. Sono state scattate nel gennaio del 1968 durante il terremoto del Belice. Ricordo con chiarezza quei giorni, avevo 12 anni e da appena un anno avevo cominciato ad aiutare mio padre nella sua attività di fotoreporter. Quando tornò dalla Valle del Belice con i rullini da sviluppare per poi scegliere le foto da far avere al quotidiano "La Sicilia", era molto provato: aveva viaggiato tutta la notte e il grido di dolore di cui era stato testimone non riusciva a toglierselo dallo sguardo. Arrivò a dirmi: «Anche le pietre emanavano dolore».


Foto Carmelo Condorelli - Archivio Storico "La Sicilia"

Nella scelta delle due foto da trasmettere al giornale non ebbe dubbi, il primo piano di una donna che aveva perso tutto e un'immagine del disastro, ponendo l'attenzione su ciò che avevano trovato i vigili del fuoco. Mi disse: «Anche se non si vedono le facce sgomente dei vigili del fuoco è evidente come non ci siano parole per commentare il disastro accaduto». In seguito mio padre, ogni volta che riguardava queste foto si commuoveva. Ripensava a quelle persone incontrate che avevano tanto sofferto e mi ricordava come il fotoreporter vero non è chi rimane impassibile davanti agli eventi che lo investono, ma è chi sa guardare anche a distanza e, se è il caso, sa fermarsi immedesimandosi nella sofferenza che incontra. Per conto mio è stata la più bella lezione di Umiltà a cui ho assistito nella mia vita e ne sono grato.

© Sicilian Post 09/05/2018

Speciale Workshop

Così i giornali ritornano utili - La Sicilia

A giudicare dal numero (quasi un centinaio) di domande di partecipazione al Workshop nazionale di giornalismo che si terrà a Catania a fine mese si direbbe che i giovani siano ancora affascinati dal mondo dell’informazione.
    Siamo noi giornalisti, forse, ad avere perso il gusto per la nostra professione, incapaci di stare al passo con la realtà, che sembra correre più veloce delle nostre analisi, e dubbiosi sull’utilità del nostro lavoro.
    La crisi del giornalismo, prima che nel calo della diffusione delle copie o dei ricavi pubblicitari, va ricercata in una pigrizia che impedisce agli operatori della comunicazione di raccontare i fatti per esperienza diretta, di tuffarsi nel pozzo della realtà per scandagliare ciò che c’è al fondo...