Sicilian Post Il terremoto del Belice nelle foto di Condorelli: «Anche le pietre emanavano dolore»

Terremoto del Belice 1968

Foto Carmelo Condorelli - Archivio Storico "La Sicilia"

Nuccio Condorelli commenta due foto scattate dal padre per il quotidiano "La Sicilia" nel 1968: «Mi insegnò che il vero fotoreporter è colui che sa anche guardare a distanza, immedesimandosi nella sofferenza che incontra. Fu la più bella lezione di umiltà della mia vita»

Le due foto che potete osservare a corredo di questo articolo sono di Carmelo Condorelli, mio padre. Sono state scattate nel gennaio del 1968 durante il terremoto del Belice. Ricordo con chiarezza quei giorni, avevo 12 anni e da appena un anno avevo cominciato ad aiutare mio padre nella sua attività di fotoreporter. Quando tornò dalla Valle del Belice con i rullini da sviluppare per poi scegliere le foto da far avere al quotidiano "La Sicilia", era molto provato: aveva viaggiato tutta la notte e il grido di dolore di cui era stato testimone non riusciva a toglierselo dallo sguardo. Arrivò a dirmi: «Anche le pietre emanavano dolore».


Foto Carmelo Condorelli - Archivio Storico "La Sicilia"

Nella scelta delle due foto da trasmettere al giornale non ebbe dubbi, il primo piano di una donna che aveva perso tutto e un'immagine del disastro, ponendo l'attenzione su ciò che avevano trovato i vigili del fuoco. Mi disse: «Anche se non si vedono le facce sgomente dei vigili del fuoco è evidente come non ci siano parole per commentare il disastro accaduto». In seguito mio padre, ogni volta che riguardava queste foto si commuoveva. Ripensava a quelle persone incontrate che avevano tanto sofferto e mi ricordava come il fotoreporter vero non è chi rimane impassibile davanti agli eventi che lo investono, ma è chi sa guardare anche a distanza e, se è il caso, sa fermarsi immedesimandosi nella sofferenza che incontra. Per conto mio è stata la più bella lezione di Umiltà a cui ho assistito nella mia vita e ne sono grato.

© Sicilian Post 09/05/2018

Speciale Workshop

Il giornalismo che verrà - La Sicilia

«Quattro giorni intensi e inattesi». Così, Paola, dottoranda alla Normale di Pisa, descrive il Workshop nazionale di giornalismo tenutosi a Catania dal 27 al 30 settembre. Il laboratorio ha visto 30 giovani, provenienti da sette atenei italiani, dialogare e lavorare proficuamente con direttori di giornali e inviati di testate nazionali, con fotoreporter e con giornalisti impegnati nel “desk”.